{[adsense:type=leaderboard]}

Come leggere la bolletta della luce

Guida del di

Come leggere la bolletta della luce?

La bollette della luce sono da sempre l'incubo di tutti i cittadini in quanto sono sempre più alte, aspetto dovuto all'alto consumo medio di ogni famiglia e di difficile lettura poichè includono una serie di voci non sempre ben comprensibili.

Con questa guida cercheremo di farvi più chiarezza in modo da rendere più semplice ed intuitiva la lettura della bolletta della luce.

Analizzeremo i punti principali nei quali è divisa e vi forniremo dei consigli su come risparmiare sulla vostra bolletta.

 Iniziamo con il dire che la bolletta è strutturata in quattro parti:

  • dati generali dell'intestatario della bolletta
  • servizi di vendita
  • servizi di rete
  • imposte

I dati generali comprendono: il nome dell'intestatario il numero identificativo del cliente, l'indirizzo di residenza ed il suo codice fiscale.

La bolletta viene identificata tramite un codice denominato Pod, rappresentante il luogo da dove proviene l'energia che ci verrà fornita.

È buona norma controllare che tutti questi dati siano corretti al fine di evitare di pagare un bolletta che non è la nostra.

I servizi di vendita è una voce nella quale vengono elencati tutti le spese relative al servizio della fornitura della luce e quello della relativa distribuzione.

La voce servizi di rete stabilita dall'Aegg(Autorità per l'energia elettrica e il gas) si riferisce al costo del trasporto dell'elettricità da parte del fornitore che si incarica di farla arrivare nelle nostre case ed include anche la gestione del contatore della luce.

L'ultima voce presente è quella relativa alle imposte; questa si suddivide in altre due voci:

  • accisa
  • Iva

L'accisa è una tassa che si riferisce alla quantità di energia consumata dall'utente mentre l'Iva è una tassa che si aggiunge all'importo totale della bolletta.

A tutte queste voci si aggiunge un ultimo elemento: gli oneri generali di sistema comprendenti sette punti:

  • promozione dell'efficienza energetica
  • regimi tariffari speciali per le ferrovie dello Stato
  • sostegno alla ricerca del sistema
  • oneri per la messa in sicurezza del nucleare e compensazioni territoriali
  • incentivi alle fonti rinnovabili e assimilate
  • copertura del bonus elettrico
  • compensazioni per le imprese elettriche minori lampada ad incandescenza

Come posso risparmiare sulla bolletta?

Se la tua ultima bolletta ha avuto un costo elevato ecco alcuni consigli per risparmiare.

Come prima cosa bisogna limitare la quantità di energia che utilizziamo giornalmente facendo attenzione agli sprechi inutili

Quante volte ci è capitato di lasciare la luce accesa in una stanza mentre siamo in un'altra?Questo si traduce in consumo di energia che potrebbe essere evitato, diventando meno pigri e prestando più attenzione a queste «piccole cose».

La seconda cosa da fare è scegliere l'operatore che ci fornisce la luce con il prezzo più vantaggioso.

In questo senso bisogna valutare bene tutti i dettagli, il contratto che andremo a stipulare dovrà essere adeguato alle nostre esigenze di consumo e permetterci di risparmiare allo stesso tempo.

Il consiglio più importante e utile e quello di utilizzare la luce in base alle nostre reali esigenze.

A questo proposito è bene sostituire le lampade ad incadescenza con quelle flourescenti e utilizzare lampade di potenza differente in base a quello di cui necessitiamo.

Se dobbiamo leggere useremo un lampada a basso consumo a basso voltaggio, se dobbiamo stare davanti al computer o illuminare una stanza più ampia utilizzeremo una lampada ad alto voltaggio.

Se devi installare il tuo nuovo impianto di illuminazione affidati ai migliori elettricisti vicini alla tua zona, clicca qui, riceverai dei preventivi gratuiti e poi starà a te decidere.

Immagini correlate


Link utili